Una giornata a Philadelphia

Se siete in vacanza a New York o se avete uno scalo lungo, magari durante un volo verso gli Stati Uniti occidentali, potreste pensare di passare una giornata a Philadelphia.

Sebbene sia meno popolosa e meno conosciuta della Grande Mela, Philadelphia rappresenta un centro importantissimo per il ruolo che ha avuto nella storia americana. Prima uno dei nuclei della Rivoluzione Americana, la città ha visto la stesura della dichiarazione di indipendenza e della Costituzione degli Stati Uniti.

A me è capitato di arrivare la mattina e, dovendo ripartire il giorno successivo, ne ho approfittato per visitare la città.

Cosa vedere

Arrivato all’aeroporto, ho noleggiato una macchina in quanto mi sarei dovuto poi muovere con questa ma, anche se siete senza vettura, in meno di un’ora potrete raggiungere il centro con la Airport Line. Ad ogni modo, prima di uscire dai terminal, datevi un’occhiata intorno: se siete fortunati, dovreste vedere le locandine di tutti i film girati nella città della Pennsylvania, come il doppio premio oscar “Philadelphia”, con Tom Hanks, o  la saga “Rocky”.

Essendo proprio un fan di quest’ultimo, mi sono subito diretto ai famosi Rocky Steps, la scalinata sulla quale il pugile italo-americano si allenava in vista dell’incontro con Apollo Creed. In zona si trovano anche dei parcheggi, a pagamento.

Statua Rocky
La statua di Rocky, ai piedi dei famosi Rocky Steps

Innanzitutto è importante sapere che la statua eretta nel film esiste davvero! Non si trova però in cima alla scalinata, dove invece sorge il Philadelphia Museum of Art, ma ai suoi piedi. Probabilmente ci sarà un po’ da attendere, sappiate che la foto a braccia alzate urlando “Adrianaaaa” attrae molti turisti!

Se riuscite fate anche gli scalini di corsa, oppure prendetevela comoda. L’importante è ammirare il panorama dall’alto: potrete infatti godere di una splendida vista sul parco The Oval e sulla Benjamin Franklin Pkwy che, sempre riferendomi a Rocky, sarebbe la strada lungo la quale il pugile corre, quella con tutte le bandiere appese.

Rocky Steps
La vista dai Rocky Steps

Avendo un po’ di tempo a disposizione, percorrete proprio questa strada tenendo il museo delle arti alle vostre spalle e raggiungete Race Street.

Liberty Bell
La Campana della Libertà, la Liberty Bell

Camminando lungo questa strada, arriverete al parco Franklin Square e da qui, seguendo la 6th Street sarete al museo contenente la Liberty Bell, uno dei simboli della città.

Il valore storico della campana è importantissimo. Fu infatti questa a suonare prima della lettura della Dichiarazione di Indipendenza americana.

Tutto il giro qui descritto, se fatto a piedi, dovrebbe portare via circa un’ora e mezza o due.

Dove mangiare

A questo punto, sicuramente avrete fame. Ebbene ho due posti da proporvi a seconda dell’orario e delle vostre preferenze.

The Franklin Fountain
Gli interni del The Franklin Fountain

Il primo è il Franklin Fountain, un locale in stile perfettamente retrò, che propone dolci per tutti i gusti. Si trova a meno di 10 minuti a piedi dalla Liberty Bell. Io ho provato il brownie al cioccolato e, che ci crediate o no, non sono riuscito a finirlo! CI sarebbero volute due persone per avere la meglio sul dessert!

Se invece preferite il dolce al salato, la proposta è il Tony Luke’s Old Philly Style Sandwiches. Ovviamente, quello che troverete qui è il tipico panino di Philadelphia, il Philly Steak, una baguette con carne, formaggio e tutti i condimenti che riuscite a immaginare. Lo stile del locale è molto alla mano, ma è proprio questo che lo rende particolare. I tavoli condivisi permettono di chiacchierare con la gente del posto, che farà sentire un po’ americani anche voi.

Per quanto mi riguarda, non ho saputo scegliere e ho dovuto provarli entrambi!

Please follow and like us:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *